Questo sito utilizza i cookie di profilazione, propri o di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.


Attendere Prego...

Dove vuoi andare?

Parti da: Prevede italo Bus
Arriva a: Prevede italo Bus

Preferenza fascia oraria

Preferenza fascia oraria

Passeggeri: (14-59)

0-36 mesi senza posto

0-13 anni con posto

Over 60

Hai un codice promo?

cerca

Informazioni per te

Ricordiamo che i viaggiatori di età inferiore ai 14 anni possono viaggiare solo se accompagnati da un passeggero maggiorenne come da Condizioni Generali di Trasporto.

Visualizza o Modifica

CON IL CODICE BIGLIETTO PUOI...

  • Visualizzare o modificare il tuo viaggio

  • Cercare un Credito Italo e/o richiederne la monetizzazione

  • Associare un codice Italo Piu

    Fino a tre minuti prima della partenza

Viaggia con Italo da
Bologna a Rimini e viceversa

La fermata di Rimini è sospesa dal 28 agosto.
Potrai scegliere la convenienza e la velocità di Italo per raggiungere Rimini in treno la prossima estate.

Bologna e
Rimini
più collegate con Italo


Italo collega Bologna Centrale con Rimini in modo veloce e conveniente.

#8

Collegamenti al giorno

Fino a 8 collegamenti al giorno durante il weekend.

7€

con tariffa Low Cost

Biglietti a partire da 7€ con la tariffa Low Cost.

# 52'

Da Bologna Centrale a Rimini

Italo collega Bologna e Rimini in meno di un'ora.

Fatti ispirare e parti con Italo
Mini Guida, cosa visitare a Rimini e a Bologna

Viaggiare a Bologna

L'Emilia Romagna, patria del buon cibo e dell'inconfondibile allegria dei suoi abitanti è la destinazione ideale per un comodo viaggio in treno: con Italo puoi arrivare facilmente a Bologna e passeggiare fra i suoi famosi portici e palazzi medievali.

I suoi pavimenti acciottolati ricordano il suo grande passato medioevale, che riesce ad armonizzarsi con il suo attuale carattere moderno che la rende una delle città italiane più all'avanguardia.

Bologna è sede di una delle Università più antiche del mondo, per questo da sempre è meta privilegiata di studenti italiani e internazionale, che ne hanno forgiato il carattere cosmopolita e gioviale. Non è un caso che Bologna goda anche di diversi affettuosi nomignoli che fanno riferimento ai suoi capisaldi. Bologna la Grassa, in onore alla sua rinomata tradizione culinaria; Bologna la Dotta, grazie alla sua università fondata nel 1088. Bologna la Rossa, una chiara menzione al color terracotta dei suoi palazzi storici e dei suoi portici.

Per una passeggiata fra i suoi luoghi più belli avrai l'imbarazzo della scelta: che tu sia un viaggiatore culturale, amante di musei e antiche chiese, o più devoto alla bella vita fra buon cibo e divertimento, Bologna non potrà deluderti.

Inizia il tuo itinerario da Piazza Maggiore, sede del Comune dal 1336 e cantata anche dal cantautore bolognese più famoso, Lucio Dalla. Qui troverai il Palazzo Comunale e le Collezioni Comunali d'Arte al suo interno che ti permetteranno di farti un'idea sulla storia e cultura della città dal 13º al 19º secolo. Da questa piazza parte il grande percorso coperto dei portici, che si snodano nella città vecchia per 40 kilometri e sono candidati a entrare nel Patrimonio UNESCO.

Se sei a Bologna per apprezzarne l'arte, allora seconda tappa da non perdere è la Pinacoteca Nazionale, che ospita alcune delle opere più importanti del panorama artistico emiliano come Giotto, Parmigianino, i fratelli Carracci e Raffaello.

Se invece preferisci esplorare ancora il centro e magari fare un po' di attività fisica, quale occasione migliore per salire sulle famosissime torri bolognesi? La Torre degli Asinelli e la Torre Garisenda dominano la piazza Ravegnana e sono il simbolo della città, costruite dalla famiglia Asinelli tra il 1109 e il 1119. La Torre degli Asinelli, la più alta con i suoi 97 metri e 498 gradini, è aperta al pubblico; consigliata la visita solo se non soffri di vertigini o se ti sei già laureato... la leggenda urbana narra infatti che salire sulla torre porti sfortuna agli studenti che ancora non sono arrivati alla laurea!

Per conoscere invece l'itinerario ecclesiastico di Bologna e alcune delle sue opere architettoniche più magnificenti, comincia con l' Abbazia di Santo Stefano e la Basilica gotica di San Petronio, che si posiziona al 15º posto fra le chiese più grandi del mondo.

La secolare tradizione artigianale e commerciale di Bologna la rendono una meta privilegiata anche per lo shopping. La zona a più alta concentrazione commerciale è quella del Quadrilatero, che storicamente ospita numerose botteghe artigiane, gioiellerie, mercati e negozi di gastronomia locale. Trovare questo pulsante cuore commerciale della città è facile, si parte da piazza Maggiore, e ci si inoltra per via Rizzoli, pizza della Mercanzia, via Castiglione, via Farini, piazza Galvani e via dell'Archiginnasio.

Vale la pena visitare Bologna anche solo per provare la sua rinomata gastronomia: sei nella patria dei tortellini, del ragù, della mortadella... impossibile rimanere indifferenti all'ampia offerta di ristoranti tipici e osteria che troverai a ogni angolo della città!

Per apprezzare infine la Bologna più verde, potrai allontanarti dal centro e concederti dei momenti di relax fra i colli bolognesi. Sono numerosi i parchi pubblici a cui si può accedere durante un'escursione fuoriporta sui colli, come il Parco Villa Spada, quello di San Pellegrino o di Villa delle Rose.

Ora non ti resta che acquistare il tuo biglietto Italo e partire alla volta di Bologna!

 
 

Viaggiare a Rimini

Rimini: basta pronunciarne il nome per evocare un immaginario fatto di discoteche, turisti stranieri, nightlife. La cittadina romagnola, tuttavia, è molto di più, e lo dimostra con un'offerta turistica, ricreativa e culturale completa. Inverno o estate, che differenza fa? Meta privilegiata per vacanze votate al divertimento e al relax, fuori stagione si presenta avvolta in un'atmosfera di silenzio monumentale, ricca del fascino del mare d'inverno, con un entroterra costellato di tracce di un passato medievale e malatestiano ed un paesaggio che si fa ora addomesticato e ora selvaggio.

Di fondazione romana, ampliata durante l'epoca comunale ed infine resa celebre dalla famiglia Malatesta, Rimini stupisce per la commistione di stili che il suo centro storico sa offrire. Si parte da piazza Tre Martiri, dalla forma ovoidale, situata nell'area del foro romano che ospita la bellissima Torre dell'Orologio, la Chiesa dei Minimi e l'elegante Tempio di Sant'Antonio, per arrivare all'imperdibile Chiesa di Sant'Agostino, fondata nel 1247, con un interno barocco e numerose testimonianze della scuola pittorica del '300 riminese.

Il cuore della città medievale, assolutamente degno di una visita e, perché no, di un aperitivo, è Piazza Cavour, dove si affacciano il seicentesco Palazzo Comunale, il Palazzo dell'Arengo dalle forme romanico-gotiche e il Palazzo dei Podestà, luogo di riunione e di prigione, costruito a partire dal 1204 e ricostruito in seguito al violento terremoto che colpì la riviera romagnola nel 1916. Sul lato opposto della piazza, si apre la suggestiva pescheria settecentesca, composta da tre archi e banchi di pietra, oggi angolo delle osterie più "in" e caratterizzanti della città.

Concedetevi una breve passeggiata lungo Corso Augusto: ne varrà sicuramente la pena, soprattutto durante l'ora del tramonto, quando giochi di luce e colore doneranno al fiume Marecchia e ai palazzi un fascino speciale. Il Corso, infatti, conduce ai resti dell'imponentePonte Tiberio, lungo oltre 60 metri e ricco di arcate ornate da rilievi e decorazioni da cui, poi, si apre il Borgo San Giuliano, dove potrete ritrovare l'atmosfera felliniana di Amarcord, tra antiche strade e piazzette dal gusto autentico e popolare, un tempo casa di vetturini, artigiani, pescatori e operai. All'interno del Borgo, da non perdere è l'antica Abbazia di San Giuliano, eretta prima dell'816 sui resti di un tempio pagano e ricostruita nella seconda metà del 1500.

Per conoscere a fondo la storia riminese, il Museo della Città, ospitato nei locali dell'antico collegio dei Gesuiti, dovrà essere una tappa obbligata: il Lapidario Romano, infatti, raccoglie iscrizioni dal I secolo a.C, mentre la sezione del Museo Archeologico ripercorre la Rimini imperiale del II e III secolo; infine, la Pinacoteca, con opere di Giovanni Bellini, Domenico Ghirlandaio, Giovanni da Rimini e tanti altri, saprà entusiasmare gli appassionati di arte.

Testimonianza, invece, del periodo d'oro della signoria Malatesta, edificio simbolo della cultura umanistico-rinascimentale italiana, è il Tempio Malatestiano, frutto della profonda ristrutturazione - diretta da Leon Battista Alberti - della medievale cappella degli Angeli e della successiva cappella di San Sigismondo. Fu lo stesso Sigismondo Malatesta a volerne la costruzione, a maggior gloria di sé e della propria famiglia. E fu proprio per questo che fece chiamare i più insigni artisti dell'epoca: dal già citato Leon Battista Alberti allo scultore Agostino di Duccio, per arrivare al celebre Piero della Francesca.

E poi, chilometri e chilometri di spiagge, un migliaio di bagni, hotel, locali, pub e discoteche: tutto cominciò nel 1843, quando a Rimini sorse il primo stabilimento balneare italiano. Da quel momento in poi, l'incremento del successo venne quasi inaspettato e, soprattutto, la riviera romagnola divenne sinonimo di divertimento assicurato, non solo per i più giovani. Ogni stabilimento, infatti, si occupa di organizzare corsi di yoga, con palestre e piscine sulla spiagge, attività di ogni genere soprattutto per i più piccoli, lasciando lo spazio agli adulti per godere di un cartellone di eventi pressoché infinito: dai concerti, agli spettacoli teatrali, a mercatini e boutique di alta moda.

Cosa manca? Un mezzo di trasporto che sia all'altezza delle vostre aspettative. Italo sarà la soluzione migliore per il vostro viaggio: partendo da Milano, Bologna o Reggio Emilia vi porterà comodamente nel cuore di Rimini. E adesso… resta solo da decidere la data della partenza!

Guarda anche

Dove vuoi andare?