Questo sito utilizza i cookie di profilazione, propri o di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.


Attendere Prego...

Dove vuoi andare?

Parti da: Prevede italo Bus
Arriva a: Prevede italo Bus

Preferenza fascia oraria

Preferenza fascia oraria

Passeggeri: (14-59)

0-36 mesi senza posto

0-13 anni con posto

Over 60

Hai un codice promo?

cerca

Informazioni per te

Ricordiamo che i viaggiatori di età inferiore ai 14 anni possono viaggiare solo se accompagnati da un passeggero maggiorenne come da Condizioni Generali di Trasporto.

Visualizza o Modifica

CON IL CODICE BIGLIETTO PUOI...

  • Visualizzare o modificare il tuo viaggio

  • Cercare un Credito Italo e/o richiederne la monetizzazione

  • Associare un codice Italo Piu

    Fino a tre minuti prima della partenza

Viaggia con Italo da
Padova a Ferrara e viceversa

Approfitta delle incredibili offerte di Italotreno per i biglietti del treno Padova-Ferrara e Ferrara-Padova!

Nella tratta Padova-Ferrara il miglior mezzo è il treno: solo 30 minuti di viaggio!

Scopri tutte le nostre promozioni per viaggiare al miglior prezzo. Acquista in anticipo il tuo biglietto per il treno ad alta velocita di Italo da Padova-Ferrara o Ferrara-Padova e risparmia!

tratta_padova_ferrara_461x284

Approfitta delle offerte scontate Padova-Ferrara

Fatti ispirare e parti con Italo
Mini Guida, cosa visitare a Ferrara e a Padova

Viaggiare a Padova

Esplorare il Veneto è più facile in treno: Italo ti porta a Padova, capitale della pittura del Trecento, adagiata a pochi km dalla natura dei Colli Euganei e dalla Laguna di Venezia.

La posizione naturale di Padova rende questa città la meta ideale per chi cerca una destinazione ricca sia dal punto di vista naturale che paesaggistico. Inizia a rilassarti e, dalla stazione dei treni, raggiungi a piedi il cuore sociale di Padova, il triangolo delle tre più famose piazze cittadine: piazza delle Erbe, piazza della Frutta e piazza dei Signori. Quest'ultima è così chiamata perché qui si trovava il Palazzo della Signoria, Reggia dei Signori di Padova nel XIV secolo, i Carraresi. Alza gli occhi e ammira la meraviglia architettonica che ti circonda: gli eleganti palazzi storici che circondano la piazza, la Chiesa di San Clemente, il Palazzo del Capitanio e la Torre dell'Orologio. Sull'angolo di strada che da piazza della Signoria si ricollega al Duomo puoi ammirare ed entrare nella Loggia del Consiglio (chiamato anche Gran Guardia), che nel '400 era il palazzo in cui si riuniva il consiglio cittadino. Sali la lunga gradinata, entra nel patio con le sue sette arcate e accedi alla sala superiore, decorata con una serie di affreschi che rappresentano episodi leggendari della vita della città. Piazza della Frutta e delle Erbe fanno invece immediatamente pensare alla loro utilità originaria, che dura ancora oggi: i mercati tradizionali che animano la città ogni mattina e dove potrete comprare frutta fresca o uno spuntino di metà giornata.

La scoperta dell'arte cittadina continua poi nel vicino Duomo e nel Battistero. Se sei amante delle lettere, potrai omaggiare uno dei capisaldi della letteratura italiana, Francesco Petrarca, che fu canonico del Duomo e qui ha un monumento sepolcrale onorario. Il Battistero in particolare riserva un'esperienza unica di arte a 360 gradi: alla fine del '300 Giusto De' Meanabuoi ha dipinto ogni centimetro delle pareti interne fino all'alto della cupola con storie della Genesi e dell'Apocalisse.

Altra piazza simbolo di Padova è l'enorme piazza ellittica di Prato della Valle che non solo è la più grande della città, ma anche una delle più grandi di Europa dopo la piazza Rossa di Mosca.

Ci arriverai facilmente, sempre con una piacevole passeggiata lungo il centro storico, le vie dei negozietti tipici e soprattutto gli antichi portici che caratterizzano le antiche vie dello shopping di Padova. Da sempre Prato della Valle ha avuto funzioni ricreative e commerciali e non ti sarà difficile trovarvi dei mercatini che le circondano. La particolarità di questo luogo simbolo di Padova è che non ha una conformazione tipica di una piazza, ma è più una passeggiata monumentale fra le 78 statue di personaggi del passato il cui centro è l'Isola Memmia, circondata da un canale. Visto che sei in zona, non perdere un altro simbolo di Padova, meta di pellegrini da tutta Italia ed Europa, la Basilica di Sant'Antonio da Padova, chiamata dai padovani semplicemente come Il Santo. Qui sono custodite le reliquie del Santo e la sua tomba, e vale la pena visitarla per ammirarne la magnificenza e la sua ricchezza artistica e architettonica.

Ciliegina sulla torta di un itinerario artistico a Padova rimane poi la Cappella degli Scrovegni, cappella trecentesca dedicata alla Vergine annunziata. La sua architettura esterna è molto semplice ma quello che vi troverai all'interno ti lascerà senza fiato. Giotto ha decorato questa Cappella rendendola famosa in tutto il mondo con il suo ciclo di dipinti dedicati a storie del Vecchio e Nuovo Testamento: il tutto è sovrastato da un soffitto azzurro intenso a simboleggiare il cielo.

Ora che hai fatto scorpacciata di arte, è ora di riempire anche lo stomaco! Inizia il tuo percorso enogastronomico padovano concedendoti per prima cosa uno spritz, aperitivo inventato proprio a Padova, da spizzicare con qualche salume locale. Deliziati poi con i bígoli, gli spaghetti grossi artigianali, o un piatto a base di carne bianca come l'oca in onto padovana, per finire con un'ampia scelta di dolci padovani, come la torta sbrisolona o il pan del Santo. Chiudi il pasto con un leggendario caffé del Caffé Pedrocchi, chiamato anche "senza porte" perché per tutto l'Ottocento e fino al 1916 rimase aperto a ogni ora del giorno e della notte.

Non attendere ancora, acquista subito il tuo biglietto su Italotreno e vieni a conoscere Padova!

 

Viaggiare a Ferrara

Se vuoi andare alla scoperta di quella che è considerata come la prima vera e propria città moderna d’Europa, prenota subito il tuo biglietto del treno per Ferrara con Italo: oggi, infatti, è ancora più semplice e veloce raggiungerla. A cavallo tra Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, Ferrara è la destinazione ideale per esplorare i parchi delle rive del Po, per assaggiare le prelibatezze tipiche della pianura padana, e per passeggiare – o pedalare – sui selciati di vie storiche, circondate da palazzi rinascimentali.
Dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità per ben due volte dall’Unesco, Ferrara è stata la prima città al mondo ad evolversi da semplice agglomerato di borghi e mura medievali a fiorente città fortificata rinascimentale, grazie alla guida intellettuale e politica degli Estensi.
Risalgono infatti al periodo tra Medioevo e Rinascimento le opere e i monumenti più importanti e affascinanti della città: le nuove mura, il Castello Estense, con le sue dimore ducali e gli affreschi, e Cattedrale di San Giorgio. Fiore all’occhiello di quell’epoca d’oro è il meraviglioso Palazzo dei Diamanti, costruito con 8500 blocchi di marmo bianco striati di rosa che creano incredibili giochi di luci ed ombre, una visita da non perdere!
Oggi Ferrara conserva la sua storia in modo eccellente, facendola dialogare con la contemporaneità. La sua atmosfera rilassata la rende estremamente vivibile: il suo essere a misura d’uomo è simboleggiato dalla grande diffusione delle bici. Ferrara è infatti il punto nevralgico di una rete di quasi 600 chilometri di piste ciclabili in tutta la provincia, che le hanno valso il soprannome di “città delle biciclette”.

Se sei una buona forchetta, a Ferrara non resterai affatto deluso. Nel menu regnano sovrani i primi piatti: tipici del ferrarese sono i cappellacci di zucca (ravioli farciti con un impasto di zucca al forno, grana e noce moscata), e il pasticcio di maccheroni. Quest’ultimo richiede una preparazione così lunga e laboriosa che vale la pena fermarsi a Ferrara anche solo per poterlo assaporare al meglio, in uno dei tanti ristoranti che lo servono secondo la tradizione locale. Si tratta di un involucro di pasta frolla (o di pasta sfoglia), che contiene dei maccheroni conditi con funghi secchi, ragù, besciamella e parmigiano, il tutto innaffiato da scaglie di tartufo, e preparato in un tipico piatto di rame, detto proprio piatto da pasticcio.
Se vuoi esplorare la città a piedi o in bicicletta, la scelta è ampia: puoi partire da Corso Ercole I d’Este, secondo l’Unesco “una delle strade più belle al mondo”; per poi arrivare a Piazza Trento e Trieste (conosciuta un tempo come Piazza delle Erbe), il cuore cittadino con il Duomo e il Palazzo della Ragione; ed addentrarti in via delle Volte, due chilometri di strada ciottolata tra gli archi di case residenziali e trattorie locali.

Cosa aspetti? Acquista il tuo biglietto Italo per Ferrara!

Guarda anche

Dove vuoi andare?